Zaia: «Prošek-Prosecco caso chiuso»

Zaia: «Prošek-Prosecco caso chiuso»

«Prošek è un nome che ci appartiene. C'è una riserva del nome con un Decreto del 2009 che firmai quand'ero Ministro». Comunque l'entrata in vigore del nuovo Regolamento sulle IG mette fine alla vicenda

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

15

Maggio
2024

A cura della Redazione F&T

"Prošek dossier chiuso: questo nome è nostro e nessuno potrà mai utilizzarlo in Europa come menzione tradizionale per indicare un vino che vuole solamente evocare le nostre bollicine ma non ha nulla di Veneto. Il nuovo Regolamento europeo sulle Indicazioni Geografiche mette, quindi, la parola fine a una sgradevole vicenda e questo risultato è frutto di una grande lavoro di squadra tra istituzioni, associazioni di categoria e consorzi che in tutte le sedi hanno difeso non solo un brand, ma un vino che esprime la storia e l’identità del Veneto". Lo ha detto il Presidente della Regione del Veneto, Luca Zaia, commentando la pubblicazione del testo del Regolamento dell’UE nella Gazzetta Ufficiale Europea, che limita definitivamente l’uso ingannevole del nome Prošek sulle etichette croate o di qualsiasi altro Stato membro.

Le discussioni in merito all'utilizzo del termine Prošek sulle etichette proseguono da tempo tra Italia e Croazia, con le autorità di Zagabria che avevano chiesto di avviare le procedure relative al riconoscimento della menzione tradizionale che ricorda da vicino il ben più famoso Prosecco veneto.

"Ci tengo anche a ricordare - ha proseguito Zaia - che Prošek è un nome che ci appartiene: c’è una riserva del nome con un decreto del 2009 che firmai quand’ero Ministro, riconosciuto dall’Europa, e c’è il pronunciamento dell’Unesco che, nel 2019, ha dichiarato Patrimonio dell’Umanità le Colline del Prosecco di Conegliano Valdobbiadene".
"C’è anche una motivazione storica: le prime citazioni del nome Prosecco, con riferimento al vino, risalgono infatti al XIV secolo, ed esiste una cartina geografica storica in cui la città di Prosecco, situata poco a occidente di Trieste, è denominata Proseck, in ragione dell’assoggettamento, in quel periodo storico, dell’area al dominio asburgico", conclude Zaia.

Immagine: rawpixel.com

RIPRODUZIONE RISERVATA ©Copyright FOOD&TEC


Condividi su: