Consumi ittici: il salmone è tra i preferiti

Consumi ittici: il salmone è tra i preferiti

La penetrazione del salmone nel mercato italiano è pari al 73,1%; il sushi si conferma una modalità di consumo tra le preferite per il 38%

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

22

Giugno
2022

Durante l’annuale seminario sul salmone norvegese organizzato dal Norwegian Seafood Coucil a Milano, lo scorso 15 giugno, sono stati illustrati i trend di mercato del 2021, i consumi e le vendite del salmone in Italia, con uno sguardo agli scenari futuri del settore e le nuove abitudini dei consumatori italiani.

I consumi di salmone in Italia

Analizzando i dati della ricerca di GFK Consumer Panel Italy “Changes in buying behavior and opportunities for Salmon in Italy” risulta che gli italiani sono un consumatore sempre più orientato al salmone.

Il trend positivo analizzato nell’anno 2021, è confermato anche nella prima parte del 2022:

  • frequenza di acquisto del salmone pari al +4,3%
  • spesa di salmone per acquirente è pari a +5,9%
  • penetrazione del salmone rispetto ai prodotti ittici pari a 73,1%.

Il salmone viene consumato in tutte le sue tipologie, con una preferenza per il salmone affumicato (59,7% della penetrazione del mercato del salmone), a seguire il salmone fresco (30,1%) fino a quello congelato (15,2%).

L’andamento in crescita si riscontra anche nel consumo fuori casa: in particolare la richiesta dei piatti di pesce è pari al 46% e si conferma l’interesse da parte degli italiani per la cucina giapponese, con un consumo di sushi pari al 38% (GFK OOH Shopper Tracker).

Il salmone norvegese

Nello specifico sono stati presentati i dati del Norwegian Export Statistics che riflettono un aumento considerevole delle esportazioni dirette di salmone norvegese in Italia, registrando un +188% sul peso lordo in termini di volume nell’ultimo decennio, dal 2011 al 2021.

Inoltre, da un’indagine svolta dal Norwegian Seafood Council in 27 mercati a livello globale, è emerso che 7 consumatori su 10 danno molta importanza all’origine di un prodotto, che diventa uno dei fattori determinanti nella scelta di acquisto dei prodotti ittici.

“Per il Norwegian Seafood Council è importante promuovere la cultura del pesce norvegese in Italia, e in particolare quella del salmone, un alimento sano, versatile e di qualità” commenta Gunvar Lenhard Wie, direttore Italia del Norwegian Seafood Council. “I risultati positivi riscontrati in questo ultimo periodo ci stimolano a impegnarci sempre di più per confermare questo trend di crescita.”

Per proseguire su questa strada il Norwegian Seafood Council ritiene che sia  necessario essere presenti - con il marchio “Seafood From Norway” che rappresenta l’origine di tutti i prodotti ittici norvegesi - nei canali emergenti della GDO, come l’online, e fondamentale ampliare il target per rivolgersi anche ai consumatori sempre più sensibili verso i prodotti sostenibili.

L’acquacoltura norvegese garantisce che ogni allevamento è rigorosamente tenuto sotto controllo tramite un programma di ispezioni regolari e di analisi di laboratorio che hanno lo scopo di verificare gli aspetti ambientali, lo stato di salute e la qualità dei pesci: il 99% del salmone norvegese d'allevamento è stato prodotto senza alcun trattamento antibiotico.


Condividi su: