Coldiretti e Filiera Italia: no al riconoscimento IGP Basmati proposto dal Pakistan

Coldiretti e Filiera Italia: no al riconoscimento IGP Basmati proposto dal Pakistan

Si temono «gravi conseguenze per la filiera risicola nazionale. Lollobrigida deve opporsi»

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

14

Maggio
2024

A cura della Redazione F&T

Coldiretti e Filiera Italia, in rappresentanza della filiera risicola italiana, hanno inviato una lettera al Ministro dell’Agricoltura, Francesco Lollobrigida, per esprimere "profonda contrarietà" al riconoscimento dell’IGP Basmati proposto dal Pakistan.

Un mercato destabilizzato

La richiesta, che segue quella presentata precedentemente dall’India nel 2020 e ora in fase di stallo, solleva diverse criticità di natura tecnica. Coldiretti e Filiera Italia evidenziano come l’adozione di tale riconoscimento potrebbe generare l’esenzione dai dazi del riso lavorato basmati IGP importato, con conseguenti ripercussioni sul mercato italiano e gravi conseguenze per la filiera risicola nazionale.
Questa scelta potrebbe portare, secondo Coldiretti e Filiera Italia, ad un crollo della valorizzazione del riso di tipo Indica europeo e all’abbandono della coltivazione del lungo B, con un aumento della produzione di riso Japonica (Tondo, Medio e Lungo A) e conseguente crollo delle quotazioni anche per questo gruppo varietale.

Ah, c'è anche la questione etica e ambientale...

Inoltre, "non sarebbe garantito il principio di reciprocità in termini di sostenibilità sociale e ambientale nel processo di produzione del riso in Pakistan".
"Come rilevano i dati di Unicef, infatti, sono complessivamente 77 milioni i minori, di età compresa tra i 7 e i 14 anni, che lavorano nell’Asia meridionale dei quali l’88% in Pakistan, il 40% in India e il 10% nello Sri Lanka" evidenziano Coldiretti e Filiera Italia, aggiungendo inoltre che "dal punto di vista ambientale, in Pakistan, così come India, sono utilizzati fitofarmaci da anni vietati in UE come, ad esempio, il triciclazolo".
"La filiera risicola italiana - concludono - non può accettare i rischi che deriverebbero da tale riconoscimento: chiediamo al Ministro Lollobrigida, nell’interesse della filiera risicola nazionale di presentare richiesta di opposizione alla domanda di riconoscimento e di promuovere tale opposizione anche tra gli altri Stati dell’UE".

Photo by valeria_aksakova

RIPRODUZIONE RISERVATA ©Copyright FOOD&TEC


Condividi su: