In forte discesa i consumi di agnello: a Pasqua -20%

In forte discesa i consumi di agnello: a Pasqua -20%

I prezzi in rialzo e la penuria di prodotto spingono in basso gli acquisti. Previsto, invece, un consumo record di uova di gallina

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

26

Marzo
2024

A cura della Redazione F&T

A dispetto della tradizione del menu di Pasqua, quest'anno ci sarà meno carne di agnello sulle tavole degli italiani, con consumi in calo del 20% a causa dei prezzi in rialzo e della carenza di prodotto. Colpa della crisi della transumanza, tipica attività delle regioni appenniniche e delle isole, che ha portato al taglio del 25% delle nascite di agnelli da latte programmati per questo periodo, passando dalle 350.000 del periodo pre pandemia alle 250.000 di oggi. Lo afferma CIA-Agricoltori Italiani, con dati confermati dalla Borsa Merci telematica, secondo cui i listini all'ingrosso sono in aumento del 15% per la carne di agnello, sostenuti, anche dalla consueta crescita della domanda che si registra nelle settimane che precedono Pasqua.
Anche il prodotto estero quest'anno risulta in calo, stimato il 50% del totale, proveniente per lo più da Est Europa, Spagna, Grecia. Molte di queste tipologie straniere sono più a buon mercato.

Una pioggia di colombe, uova di cioccolato e di... gallina

A campeggiare invece sulle tavole saranno sempre le colombe acquistate dal 69% degli italiani, che batteranno le uova di cioccolata scelte dal 63%, come segnala un'indagine di Coldiretti/Ixè.
E poi torte salate e dolci, con la pastiera napoletana che, secondo CNA Agroalimentare, diventa un dolce nazionale, facendo da apripista anche al casatiello e al tortano, affiancati dalle pizze al formaggio regionali e dalla ligure torta pasqualina ai carciofi.

Sarà poi record per il consumo di uova di gallina, 6 a testa in questa settimana, per un valore di 130 milioni di euro, secondo Unaitalia, con prezzi all'ingrosso in calo del 25% rispetto allo scorso anno. Tante, segnala Unaitalia, le tradizioni pasquali da Nord a Sud della penisola: una delle più popolari, soprattutto nelle regioni centrali, è quella della colazione con a tavola l'uovo protagonista per una proposta culinaria che va dalla crescia umbra, al classico uovo sodo laziale abbinato con la torta al formaggio, fino ai "piconi" e frittata al mentastro marchigiane.
Quanto alla farina, tra le materie prime utilizzate per la preparazione di piatti e dolci pasquali, si sono registrati cali dell'8%, ma non per il burro in aumento di quasi il 25%.
Scenario critico per il cacao con prezzi più che triplicati.

Consumi in rialzo anche per il pesce, perchè Quaresima e Pasqua, dopo le festività natalizie e le ferie estive, è il periodo dell'anno di maggiore picco. Fedagripesca-Confcooperative calcola un'impennata del 30%, con punte del 50% nel fine settimana prossimo; prezzi in linea con lo stesso periodo dello scorso anno.
Da segnalare le sogliole in Adriatico a buon mercato.
Poche, invece saranno le vongole veraci italiane, tra i piatti gettonati a Pasqua e Pasquetta, soprattutto nei luoghi di mare per colpa ancora una volta del granchio blu. Secondo Fedagripesca 8 su 10 di quelle in commercio saranno di importazione del Pacifico, delle coste di Vietnam, Taiwan e Cina meridionale.

Fonte: ANSA
Foto: DejaVu Designs


RIPRODUZIONE RISERVATA ©Copyright FOOD&TEC


Condividi su: