Agenzia delle dogane: l'IA ha un ruolo cruciale nella tutela del made in Italy

Agenzia delle dogane: l'IA ha un ruolo cruciale nella tutela del made in Italy

I modelli predittivi alimentati dalle fonti informative contrastano i fenomeni illegali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

23

Aprile
2024

A cura della Redazione F&T

Il Direttore dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli , Roberto Alesse, ha evidenziato alla Commissione Parlamentare di inchiesta sugli illeciti ambientali e agroalimentari, le attività svolte dall’Agenzia a tutela del made in Italy e della salute dei consumatori, contro i fenomeni della contraffazione e dell’italian sounding.
"La quasi totalità delle comunicazioni delle notizie di reato relative al settore agroalimentare presenti nella Banca dati Antifrode dell’Agenzia - ha spiegato Alesse - è collegata al comparto oleario, e in particolare all’olio vegetale, dichiarato come extra-vergine di oliva ma accertato e riclassificato come semplice olio vergine di oliva, a seguito delle analisi effettuate dai Laboratori chimici dell'Agenzia".

Nel corso del 2023, sono stati effettuati controlli su oltre 2mila dichiarazioni doganali, pari a più di 13.000 tonnellate, e sono state accertate violazioni su 210 tonnellate di olio e 90mila unità di prodotto.

Alesse ha anche tracciato il futuro dell’attività dell’ADM: "La sfida principale è quella rappresentata dalle potenzialità offerte dall’intelligenza artificiale".
Infatti l'impiego dell'IA nell'agroalimentare "potrebbe svolgere un ruolo cruciale nella tutela dei prodotti alimentari che varcano la frontiera italiana", rafforzando e facilitando anche il ruolo di vigilanza e controllo dell'Agenzia in tale delicato settore già presidiato, tramite strutture altamente specializzate, tra cui 16 laboratori chimici accreditati come Laboratorio multi-sito secondo le più aggiornate norme tecniche.

Alesse ha illustrato le iniziative intraprese dall'amministrazione doganale a tutela della sicurezza alimentare e del made in Italy, e le azioni di prevenzione e contrasto dei fenomeni illegali inerenti alla produzione e alla contraffazione dei prodotti agroalimentari, esponendo le attività di intelligence che l'Agenzia, attraverso modelli predittivi alimentati da una serie di fonti informative interne e internazionali, sviluppa nei porti, negli aeroporti e nei valichi di frontiera sulle merci importate o esportate dall'Italia e dall'Unione europea.


RIPRODUZIONE RISERVATA ©Copyright FOOD&TEC


Condividi su: