Xylella: -73% la produzione di olio salentino

Xylella: -73% la produzione di olio salentino

l punto della situazione in Prefettura con la ministra Lezzi e il governatore Emiliano. I frantoiani vendono all'estero i mezzi di produzione. La tendenza negativa rischia di essere irreversibile

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

09

Agosto
2019

Persi per la Xylella quasi tre quarti della produzione di olive in provincia di Lecce, con il crollo del 73% della produzione di olio nell'ultimo anno: è l'analisi elaborata da Coldiretti Puglia sui dati del Sistema Informativo Agricolo Nazionale, illustrata in un incontro in Prefettura a Lecce con la ministra per il Sud, Barbara Lezzi e il governatore della Puglia, Michele Emiliano. "A Lecce il trend negativo rischia di diventare irreversibile - ha sottolineato il presidente Coldiretti provinciale, Gianni Cantele - con il minimo storico di 5.295 tonnellate nell'ultima campagna. La malattia ha lasciato milioni di ulivi secchi".

Il contagio in sei anni si è allargato a nord a una velocità di più 2 chilometri al mese.

Coldiretti Puglia ha chiesto al ministro Lezzi "che i 300 milioni, aggiuntivi ai 70 per il 2019 stanziati dal CIPE, arrivino realmente agli agricoltori che non possono più produrre olive e olio, a favore di nuovi impianti resistenti, e ai frantoiani che stanno svendendo all'estero pezzi di frantoi".


Condividi su: