Vini: DOC Sicilia -11% l'imbottigliamento

Vini: DOC Sicilia -11% l'imbottigliamento

Presentati i numeri del primo quadrimestre 2020 durante "Sicilia en primeur global webinar". Il comparto vino italiano segna un calo del volume del 35%

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

18

Maggio
2020

Venerdì 15 maggio si è svolta in format digitale "Sicilia En Primeur Global Webinar", la manifestazione promossa da Assovini Sicilia che da 17 anni riunisce nel mese di maggio la stampa tecnica e specializzata per degustare in anteprima i vini siciliani e che in questa edizione 2020 si è svolta in web conference.

Durante l’incontro sono intervenuti Alessio Planeta, Presidente di Assovini Sicilia, Antonio Rallo, Presidente del Consorzio DOC Sicilia, e Mattia Filippi, enologo e consulente fondatore di Uva Sapiens, al quale già negli ultimi anni l’associazione ha affidato la presentazione tecnica della nuova annata. Come presentato da Filippi, la produzione nel 2019 in Sicilia si attesta all'incirca su 4,3 milioni di ettolitri, nella media degli ultimi 5 anni. Insieme alle vendemmie 2014 e 2011, l’ultima vendemmia è la terza più scarsa in termini di quantità di raccolto negli ultimi 10 anni.

Ricordiamo che la Sicilia rappresenta ad oggi il 34% della superficie biologica italiana, seguita dalla Puglia che si attesta al 16-17%. Da notare i dati relativi al clima in Sicilia che non risente particolarmente dell’innalzamento delle temperature medie dovute al climate change. La Sicilia nel 2019 non ha infatti subito innalzamenti di temperatura rispetto alla media degli ultimi 30 anni. Da un punto di vista del trend delle temperature nel periodo che interessa la coltivazione della vite, quindi da marzo a ottobre, sono state rilevate temperature nettamente sotto la media degli ultimi 15 anni e una piovosità mediamente elevata rispetto agli ultimi anni, ma meno elevata rispetto al 2018. Questo ha comportato ovviamente un forte ritardo nel germogliamento e soprattutto una fioritura con un’allegagione scarsa generando come conseguenza delle produzioni medie molto basse.
A livello generale l'annata 2019 è stata bilanciata con punte di eccezionalità, soprattutto in riferimento alle varietà a bacca bianca e porta in bottiglia vini estremamente interessanti sia dal punto di vista aromatico sia da un punto di vista di maturazione fenolica.

La produzione delle DOC siciliane

Il Consorzio Vini DOC Sicilia ha preso parte a "Sicilia En Primeur Global Webinar", con il Presidente Antonio Rallo che ha illustrato i numeri relativi alla DOC che nel primo quadrimestre 2020 registra un calo dell'imbottigliamento dell'11% rispetto allo stesso periodo del 2019.
A trainare il settore è il Nero d'Avola con un decremento delle bottiglie pari al 5%. Tiene il Grillo con un -13% rispetto al calo di imbottigliato del 17% dei vini bianchi in totale. Tutto questo in un contesto che vede il vino italiano perdere dal 35% al 40% del volume al mese a causa del lockdown.

Resta l’incognita, forte, sulle modalità e la tempistica della ripartenza del canale Horeca e del settore turistico che determineranno le future dinamiche di imbottigliamento e di vendita.
Oggi la DOC Sicilia conta più di 460 aziende che imbottigliano, quasi 25.000 ettari, più di 8.354 aziende viticole. Una realtà che ha chiuso il 2019 con 95 milioni di bottiglie prodotte, il 19% in più rispetto al 2018 e che, come emerso dall’incontro, sta affrontando con reattività i danni causati dalla crisi in corso.


Condividi su: