Un buon +3% per la Coppa di Parma IGP

Un buon +3% per la Coppa di Parma IGP

Il Consorzio di tutela delle 22 aziende parmensi rende noti i dati della produzione dello scorso anno che ha raggiunto 4 milioni di chili. +5% il fatturato, il 15% viene dalle esportazioni

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

05

Marzo
2018

Per il Consorzio di Tutela della Coppa di Parma IGP, che riunisce 22 aziende e che è l'organo di tutela di un comparto che garantisce lavoro a circa 500 persone, il 2017 è stato un anno positivo. Nei 12 mesi appena trascorsi, la produzione di Coppa di Parma IGP si è attestata su un volume di quattro milioni di kg, in crescita del 3% rispetto al 2016. Lo rende noto in un comunicato il Consorzio stesso.
Circa l'80% della produzione è assorbito dal canale della GDO. Il prodotto intero incide per il 40% della produzione, mentre la Coppa di Parma in trancio e quella pre-affettata pesano rispettivamente per il 25% e il 35%. Positive anche le performance a valore: il fatturato 2017 del comparto ha raggiunto il traguardo dei 60 milioni di euro, facendo registrare un incremento del 5% rispetto all'anno precedente. L'export incide per circa il 15% del fatturato.

L'area geografica più sensibile al gusto della Coppa di Parma IGP è rappresentata dalla UE: i principali Paesi di destinazione sono Francia, Germania, Regno Unito, seguiti da Benelux e Polonia. Nell'area Extra UE, soddisfazioni arrivano da Russia, Svizzera e Canada: quest'ultimo, in particolare, da solo incide per il 30% circa dell'export.


Condividi su: