Trattato commerciale UE-Giappone, l'accordo è vicino

Trattato commerciale UE-Giappone, l'accordo è vicino

C'è il primo ok della Commissione Commercio Estero. A dicembre la ratifica della plenaria. Dal 2019 si creerebbe una zona commerciale da 600 milioni di persone

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

07

Novembre
2018

Con 25 voti a favore, 10 contrari e un astenuto la Commissione commercio estero dell'Europarlamento ha dato il via libera all'approvazione dell'accordo di partenariato economico Ue-Giappone Economic Partnernship Agreement - EPA.

L'Eurocamera darà il suo consenso nella plenaria di dicembre, quindi il trattato entrerà in vigore non appena ratificato anche dalla Dieta giapponese.

Firmato il 17 luglio 2018, l'accordo UE-Giappone crea una zona commerciale da 600 milioni di persone, riguarda 1/3 del PIL globale e circa il 40% del commercio mondiale. Alla fine del periodo di transizione rimuoverà quasi tutti i dazi doganali per un valore di circa 1 miliardo di euro l'anno sui prodotti e servizi europei esportati nel paese del Sol Levante.

Infatti, l’attuazione di questa partnership economica e commerciale significherebbe una riduzione delle barriere tariffarie in settori strategici per i due partner, come quello agroalimentare: le merci che potranno essere vendute più facilmente in Giappone saranno il formaggio, la pasta, il cioccolato, la carne di maiale, il vino e in definitiva tutti i prodotti trattati.

La CEEV - Comité Européen des Entreprises Vins, che rappresenta gli interessi dell'industria del vino UE, ha subito commentato in una nota questa prima ratifica: "Un'ottima notizia! L'attuazione dell'accordo a partire dall'inizio del 2019 è fondamentale - spiega il segretario generale CEEV Ignacio Sánchez Recarte - in un contesto di forte competizione mondiale, per riguadagnare quote di mercato perse".
Tra le clausole dell'Economic Partnernship Agreement - EPA c'è l'eliminazione immediata delle tariffe sul vino europeo, attualmente al 15%.


Condividi su: