Technogel e i gelati in Mongolia

Technogel e i gelati in Mongolia

L'azienda bergamasca specializzata nella realizzazione di macchine per la produzione di gelato ha esportato nelle freddissime steppe dell'Asia Orientale un impianto dal valore di 665mila euro

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

04

Gennaio
2018

Il made in Italy vince anche a -40 gradi. Grazie al supporto assicurativo di SACE - Servizi Assicurativi e finanziari per export e internazionalizzazione della governativa Cassa Depositi e Prestiti (CDP), la bergamasca Technogel ha esportato in Mongolia un impianto per la produzione di gelato di alta qualità per un valore di 665mila euro.

SACE, Spa interamente controllata da CDP, detiene dal settembre 2016 il 76% del capitale di Società Italiana per le Imprese all'Estero - SIMEST, Spa che dal 1991 sostiene per legge la crescita delle imprese italiane, attraverso l’internazionalizzazione della loro attività. Grazie al supporto di questi enti, sono state assicurate le esportazioni di Technogel per un valore di 665mila euro.
L'azienda di Grassobbio - supportata da SIMEST attraverso un finanziamento dedicato alla partecipazione a fiere e mostre internazionali - esporterà nel Paese asiatico un impianto completo per la produzione di gelato di alta qualità.

Il territorio bergamasco si conferma una delle aree a maggiore vocazione all'export della Lombardia, regione dove il polo SACE SIMEST, attraverso i suoi uffici, serve più di 5 mila aziende. Nel primo semestre del 2017, il polo ha mobilitato risorse a sostegno dello sviluppo internazionale delle imprese lombarde per oltre 6 miliardi di euro.

Technogel da oltre 60 anni produce macchine e impianti per la produzione di gelato. Ad oggi l'impresa bergamasca, anche grazie alla sua estesa rete commerciale, esporta in più di 60 Paesi. L'azienda ha delle filiali negli Stati Uniti, in Argentina, in Brasile e in Medio Oriente, oltre a una capillare organizzazione di agenti in Italia e nel mondo.


Condividi su: