Tavoli all'aperto ovunque: +180mila nel 2021

Tavoli all'aperto ovunque: +180mila nel 2021

Confesercenti stima un'area impressionante: 750mila metri quadrati occupati, l'equivalente di 100 campi di San Siro

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

03

Giugno
2021

Pubblici esercizi, bar, pub, pizzerie e ristoranti italiani investono sulla ripartenza. E scommettono molto sui posti all'aperto: nel 2021 le imprese della somministrazione hanno allestito per il consumo nuovi spazi esterni per un totale complessivo di quasi 750mila metri quadrati, in grado di ospitare 180mila tavoli. A stimarlo è Fiepet, l'associazione di categoria delle imprese della somministrazione Confesercenti.
Un risultato ottenuto grazie alla collaborazione dei Comuni, che in tutta Italia hanno semplificato, accelerato e ridotto o cancellato le tariffe di occupazione del suolo pubblico.

Il numero maggiore di nuovi dehor, gazebi e spazi esterni è stato autorizzato soprattutto nelle grandi città capoluogo, in particolare a Roma, quasi 65mila metri quadri in più, a Milano, +40mila mq, e Napoli, +38mila mq.

"Gli imprenditori hanno allestito e messo a disposizione un'area equivalente a oltre 100 campi di San Siro. Un grande sforzo e un investimento importante, mirato a offrire ai clienti spazi e possibilità di scelta anche quando le consumazioni all'interno dei locali saranno nuovamente possibili", spiega il presidente di Fiepet Confesercenti Giancarlo Banchieri. "Per questo ringraziamo la sensibilità degli amministratori territoriali, che hanno rivoluzionato il proprio modo di vedere: un tempo si discuteva di tavolini selvaggi e si vedevano i posti all'aperto come un'occasione per fare cassa. Ora invece si è percepito il valore aggiunto che i tavoli all'esterno costituiscono per le imprese, per i consumatori e per aumentare l'attrattività turistica delle nostre città dopo la desertificazione imposta dalla pandemia".

Sperando che con la fine dell'emergenza sanitaria e delle poche restrizioni ancora in vigore, i tavoli all'aperto tornino ad occupare spazi pubblici consoni, così da permettere ai cittadini di passeggiare e vedere con agio le bellezze dei centri storici, e non solo.


Condividi su: