Ripartenze: il packaging italiano va in Asia

Ripartenze: il packaging italiano va in Asia

Le aziende costruttrici di macchine per il confezionamento vanno a ProPak Asia e ProPak China per promuovere il made in Italy

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

19

Ottobre
2020

ProPak Asia e ProPak China, due tra le più importanti fiere internazionali di settore: riparte da qui la presenza delle aziende italiane in collettiva UCIMA - Unione dei Costruttori Italiani di Macchine Automatiche per il Confezionamento e l’Imballaggio.

La prima sarà Propak Asia, la più importante vetrina del continente asiatico per le tecnologie del packaging. L’evento si svolge dal 20 al 23 ottobre a Bangkok presso l'International Trade and Exhibition Centre. UCIMA ha organizzato una delle poche collettive internazionali che partecipano all’evento, ospitando nove aziende italiane del settore. Nella hall 101 saranno presenti Arol, Cepi, CFT Group, Mariani, Ocme, Pelliconi, Piovan Group, Robopac e Sacmi.

La manifestazione fieristica di Bangkok è giocoforza affiancata da ProPak Asia Virtual Exhibition, show room digitale interattivo fruibile dal 19 al 25 ottobre, accedendo al sito www.propakasia.com.

A seguire, dal 25 al 27 novembre, riparte a Shanghai, in collaborazione con ICE-Agenzia, ProPak China, un’altra importante fiera per il settore packaging, in programma presso il National Exhibition Convention Center Shanghai. All’interno della collettiva italiana saranno undici le aziende espositrici. Oltre allo stand istituzionale ICE/UCIMA (stand 51C50), ci saranno D.V.P. Vacuum Technology, IMS Technology, Concetti, Nadella, Pieri, Umbra Packaging, Reepack, Cavanna, CMC, Unitech SRL e Robopac.

La Cina rappresenta il quarto mercato italiano per l’esportazione di macchine per packaging, con un export che nel 2019 è stato pari a 292,1 milioni di euro contro i 158,1 del 2018, segnando così un incremento dell’84,6 %.

La Tailandia si conferma anch’essa un crocevia strategico per tutto il sud-est asiatico e, in primis, per l’area Asean dove l’Italia nel 2019 ha esportato macchine per il packaging per un volume pari a 278 milioni di euro, dietro a Cina e Germania, la quale ha registrato una crescita pari a 298,3 milioni.
Secondo i dati del Centro Studi Ucima, la Tailandia risulta il secondo mercato di sbocco dell’area con 61 milioni di euro, pari al 15% del fatturato complessivo. Al primo posto l’Indonesia con 84,8 milioni di euro, seguita dalle Filippine (57,6 milioni) e dal Vietnam (40,1 milioni).

Photo by Jessica Devnani


Condividi su: