Pecorino Romano DOP, modifica al Disciplinare

Pecorino Romano DOP, modifica al Disciplinare

Definite le razze per il Pecorino Romano DOP. Le aziende hanno a disposizione 7 anni per adeguarsi

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

14

Gennaio
2022

L’assemblea dei soci del Consorzio di tutela del Pecorino Romano ha votato all’unanimità dei presenti, in rappresentanza del 90% dei produttori, le nuove regole del Disciplinare di produzione che, tra le varie prescrizioni, prevedono la lista delle razze ammesse alla produzione del latte destinato alla DOP. I soci hanno deciso che gli allevatori che vorranno conferire latte da destinare alla DOP Pecorino Romano dovranno riconvertire entro i prossimi 7 anni i propri allevamenti, nel caso siano presenti razze estranee a quelle indicate nel disciplinare.

Le razze ammesse sono: Razza Sarda, compresa la sub-popolazione Nera di Arbus, Razza Vissana, Razza Sopravissana, Razza Comisana, Razza Massese, Razza Pecora dell’Amiata.

Gli allevatori che decideranno di non riconvertire i propri allevamenti, alla scadenza dei sette anni dalla pubblicazione del Disciplinare non potranno più destinare il latte delle loro pecore alla produzione di Pecorino Romano DOP. 

“L’assemblea ha trovato una soluzione condivisa da tutti i presenti e che fa sintesi fra le diverse posizioni”, sottolinea il presidente del Consorzio Gianni Maoddi. “I sette anni previsti per la riconversione assicurano a tutti gli operatori il tempo necessario per organizzarsi, in primo luogo agli allevatori."

La decisione dell’assemblea sarà ora sottoposta al vaglio del Ministero che dovrà dire l’ultima parola sul nuovo Disciplinare votato dai soci.


Condividi su: