Pagamenti AGEA in smart working: 80 milioni in una settimana

Pagamenti AGEA in smart working: 80 milioni in una settimana

56.250 i beneficiari. L'obiettivo del MiPAAF è garantire liquidità alle imprese agricole e della filiera alimentare

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

20

Marzo
2020

Circa 80 milioni di euro per 56.250 beneficiari. Sono i numeri della settimana di lavoro in modalità smart working di AGEA, Agenzia per le erogazioni in agricoltura, relativamente ai decreti di pagamento autorizzati nell'ambito della domanda unica, dello sviluppo rurale e dei programmi operativi. Risorse che, in dettaglio, si riferiscono a domanda unica per l'annualità 2019 in favore di 52.767 beneficiari per 25,2 milioni di euro; ai programmi regionali di sviluppo rurale (PSR), che AGEA gestisce, in favore di 3.470 beneficiari per 34,6 milioni di euro; ai programmi operativi in favore di 13 beneficiari per 12 milioni di euro.

"Garantire liquidità alle imprese agricole e della filiera alimentare - afferma la Ministra Teresa Bellanova - è, in questo momento, una priorità assoluta. Vale per le misure  previste nel Decreto Legge pubblicato stamane in Gazzetta Ufficiale, compresa l'anticipazione della PAC e vale, a maggior ragione, per le pratiche in corso. Con Agea e la piena collaborazione delle società partecipate, Agecontrol, Sin e l'RTI, siamo impegnati, con il personale che attualmente opera tutto in lavoro agile ad eccezione di alcuni unità di presidio del CED e di altre attività dell'agenzia, a individuare le soluzioni di semplificazione dei processi di erogazione delle risorse pubbliche ma anche le possibili e legittime deroghe a norme comunitarie e nazionali con cui accelerarne l'erogazione. Un lavoro che proseguirà nelle prossime settimane, perseguendo un unico obiettivo: sostenere in tutti i modi il nostro sistema agroalimentare".


Condividi su: