Marche: 3 milioni di euro per il comparto vinicolo

Marche: 3 milioni di euro per il comparto vinicolo

La Regione ha allocato i fondi comunitari assegnati dal MiPAAF attraverso l'OCM vino. Saranno premiate le scelte sostenibili, biologiche, le denominazioni protette e le aree svantaggiate

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

10

Gennaio
2018

Sono stati destinati dalla Regione Marche 3 milioni di euro comunitari per impianti di trattamento, infrastrutture vinicole e la promozione del vino sui mercati dei Paesi terzi. La Giunta ha approvato le disposizioni regionali di attuazione della misura denominata "Investimenti", sostenuta dai fondi europei assegnati annualmente dal Ministero dell'Agricoltura alle Regioni tramite l'OCM Vino (l'Organizzazione Comune dei MercatI che regolamenta il settore vitivinicolo), rimodulando le risorse del programma: oltre i 3 milioni per i nuovi investimenti, altri 444 mila euro verranno utilizzati per il saldo delle domande del biennio 2016-2017.

Le priorità premiano le richieste che prevedono:

  • risparmio energetico,
  • processi ecocompatibili,
  • produzioni certificate DOP e IGP (per almeno il 70% del totale aziendale) e biologiche,
  • titolari giovani (tra i 18 e i 40 anni),
  • adesione a consorzi di tutela dei vini,
  • localizzazione in zone particolari (svantaggiate, aree colpite dal sisma, ad alto valore paesaggistico).

"Si tratta di risorse importanti per riqualificare uno dei comparti di punta dell'agricoltura marchigiana che necessita di investimenti per conquistare quote di mercato, consolidare quelle acquisite, puntare su nuovi consumatori" dice la vice presidente Anna Casini, assessore all'Agricoltura.
L'atto adottato dalla Giunta regionale recepisce la scadenza stabilita dal Ministero, le condizioni di accesso ai contributi da parte delle imprese, gli investimenti ammissibili, i criteri di priorità e i tempi di realizzazione degli investimenti.


Condividi su: