Libero scambio UE-Singapore

Libero scambio UE-Singapore

L'accordo bilaterale significa l'eliminazione virtuale delle tariffe doganali tra le parti nei prossimi cinque anni. Saranno tutelate la denominazioni geografiche

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

04

Marzo
2019

Via libera dal Parlamento europeo agli accordi di libero scambio e di protezione degli investimenti tra l'UE e Singapore. L'intesa, che può rappresentare il modello per un ulteriore cooperazione con il Sud-Est asiatico, è stato approvato dalla plenaria dell'Eurocamera a Strasburgo con 425 sì, 186 no e 41 astensioni.

L'accordo eliminerà virtualmente tutte le tariffe doganali tra le due parti entro cinque anni, consentendo il libero scambio di servizi, proteggendo i prodotti europei unici e aprendo il mercato degli appalti di Singapore alle imprese dell'UE.

L'accordo tutelerà circa 190 indicazioni geografiche UE, il 25% delle quali italiane. Tra le etichette che potranno godere di protezione nel food ci sono l'Aceto balsamico di Modena, la Mortadella di Bologna, il Prosciutto di Parma, il S. Daniele, il Gorgonzola, il Grana Padano, la Mozzarella di Bufala Campana, il Pecorino Romano, l'Arancia Rossa di Sicilia, la Lenticchia di Castelluccio di Norcia e il Pomodoro di Pachino.


Condividi su: