Le donne guidano 1 azienda agricola su 4

Le donne guidano 1 azienda agricola su 4

Stanno rivoluzionando il modo di fare impresa. Molte sono laureate in discipline economiche o umanistiche, tante puntano sulle nuove tecnologie, ognuna di loro è impegnata in attività di educazione alimentare e ambientale

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

06

Marzo
2019

Il "sesso gentile" è attratto dalla filiera agroalimentare: più di 1 impresa agricola su 4 (28,6%), per un totale di quasi 215mila aziende a livello nazionale, è condotta da donne. Al Sud si registra una maggiore incidenza. Lo afferma Coldiretti che ha elaborato i dati di Unioncamere relativi al settembre 2018.

La presenza femminile ha rivoluzionato l'attività agricola come dimostra l'impulso dato alle attività di educazione alimentare e ambientale con le scuole, le agritate, gli agriasili, le fattorie didattiche, i percorsi rurali di pet-therapy, gli orti didattici, ma anche nell'agricoltura a basso impatto ambientale, nel recupero delle piante e degli animali in estinzione, nell'agriturismo.

Tra le novità si registra l'arrivo sui campi di imprenditrici che hanno seguito percorsi formativi diversi dall'agricoltura: dalla laurea in scienze politiche a sociologia, da giurisprudenza a economia, da scienze della comunicazione a ragioneria, dal marketing alla consulenza aziendale.

Importante anche la quota giovane con il 25% delle aziende femminili guidate da ragazze under 35 che hanno puntato sulla tecnologia e utilizzano lo smartphone per controllare gli animali in stalla nelle pause di studio all'università e per gestire online acquisti e prenotazioni in agriturismo.


Condividi su: