La dieta detox del CREA

La dieta detox del CREA

Praticare attività fisica al mattino, assumere fermenti lattici, seguire un regime pesco-vegetariano, bere tè verde bancha a garganella

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

07

Gennaio
2020

Rimettersi in riga subito dopo le feste con una dieta detox, equilibrata e sopratutto non punitiva grazie alle quattro regole auree suggerite dalla nutrizionista e ricercatrice Stefania Ruggeri del CREA Alimenti e Nutrizione all'ANSA, che punta a scandire la giornata praticando attività fisica di tipo aerobico al mattino, bevendo tanta acqua e utilizzando i fermenti lattici, oltre a fare il pieno di frutta, verdura e pesce.

    "Per contrastare lo sfalsamento dei ritmi sonno-veglia tipici dei giorni di festa - spiega Ruggeri - è bene fare esercizi fisici nelle prime ore del mattino, non solo per consumare le calorie assunte in eccesso, ma anche per migliorare l'attività del cortisolo, l'ormone dello stress che può essere coinvolto nell'aumento di peso". Il suggerimento è quindi di alzarsi presto e praticare un'attività aerobica tra le 7 e le 10 del mattino.

La seconda regola è disintossicare il fegato, con una dieta pesco-vegetariana a base di frutta verdura, latte e latticini, uova, pesce, crostacei e molluschi, con aggiunta di legumi e cereali integrali. "Molti studi - ricorda la nutrizionista - hanno dimostrato che questo tipo di alimentazione aiuta a ridurre il colesterolo e la glicemia perché alleggerisce il carico di acidi grassi saturi assunti nei giorni delle feste".

Ovviamente, nei giorni di recupero, è bene rinunciare all'alcol, fonte di calorie e di affaticamento per il fegato.

Altra parola d'ordine è riequilibrare la flora intestinale con fermenti probiotici. "Già negli anni '90 - evidenzia la ricercatrice - era stato dimostrato che una settimana di cattiva alimentazione con surplus calorico, può modificare il microbiota intestinale e portarci a una disbiosi, un aumento dei cosiddetti batteri cattivi, responsabili di un male assorbimento dei nutrienti e del rischio di sovrappeso". Ottimi per aiutare a equilibrare la flora intestinale, oltre ad un'alimentazione leggera e pesco-vegetariana, secondo Ruggeri, sono i latte fermentati o gli yogurt a colazione.
Ricordarsi, infine, di ripristinare le riserve idriche. "Durante le feste è facile aver esagerato con qualche bicchiere di troppo, senza aver bevuto abbastanza acqua", afferma Ruggeri, secondo la quale, per idratarsi al meglio, oltre all'acqua, si possono riempire thermos o borracce con té verde bancha; una bevanda senza caffeina, ricchissima di antiossidanti che aiutano a ridurre i livelli di radicali liberi che si sono formati duranti gli stravizi delle festività natalizie. 

Fonte: ANSA


Condividi su: