L'Interpol sequestra prodotti alimentari per 100 milioni

L'Interpol sequestra prodotti alimentari per 100 milioni

Le indagini, svolte i 78 Paesi, hanno scoperto frodi anche in UE. Falso biologico in Spagna con nove arresti

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

24

Giugno
2019

Dopo una lunga operazione condotta su vasta scala tra dicembre 2018 e aprile 2019, Interpol ha sequestrato oltre 100 milioni di euro di bevande e alimenti fraudolenti o potenzialmente pericolosi. È questo il bilancio dell'indagine Opson VIII, che ha coinvolto 78 paesi, con tre azioni in Europa.

Nella prima, con la collaborazione della rete anti-frode UE, sono state svolte ispezioni su 90mila tonnellate di alimenti bio sospetti, con l'arresto di nove persone in Spagna.

La seconda indagine in collaborazione con l'Unione europea riguarda il caffè, con le analisi ancora in corso su 400 campioni marchiati come pura Arabica ma sospettati di essere della qualità inferiore Robusta.

Infine, Interpol ha fatto rimuovere nei siti di commercio online in 10 Paesi comunitari 75 offerte di prodotti a base di 2,4-dinitrofenolo, sostanza pericolosa venduta come prodotto per dimagrire illegalmente. Si tratta di un nitrocomposto derivato del fenolo ed è utilizzato come conservante per legno, insetticida, erbicida e, sciaguratamente, in alcuni prodotti per dimagrire provocando anche la morte di chi lo ingerisce. Negli anni scorsi perirono ragazze in Francia e nel Regno Unito. La proprietà "dimagranti" furono scoperte negli anni '80 dai bodybuilder a causa della rapida perdita di peso dovuta a un'accelerazione innaturale del metabolismo che può, appunto, condurre alla morte.


Condividi su: