Just Eat assume 4mila rider

Just Eat assume 4mila rider

L’intesa con i sindacati prevede l’applicazione del CCNL del settore Logistica, Trasporto, Merci e Spedizioni

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

30

Marzo
2021

L'accordo è "storico": il 29 marzo 2021, i rappresentanti di JustEatTAKEAWAY.com Express Italy Srl e i sindacalisti di FILT CGIL, FIT-CISL e UIL Trasporti hanno firmato l'accordo grazie al quale i lavoratori della società di food delivery avranno, oltre a uno stipendio minimo, TFR, previdenza, ferie, orario di lavoro minimo garantito, integrazione salariale in caso di malattia, infortunio, maternità/paternità e diritti sindacali. Si tratta del primo contratto collettivo aziendale per inquadrare i rider nel CCNL del settore Logistica, Trasporto, Merci e Spedizioni che sarà applicato a tutti i dipendenti.

Il contratto sarà introdotto da Just Eat in Italia nell’ambito del nuovo modello di business che prevede l’inquadramento dei rider come lavoratori subordinati e che porterà nel corso dell’anno all’assunzione di circa 4.000 rider in tutta Italia.

Le linee guida dell'accordo

L’intesa segue quattro linee guida per applicare il CCNL in modo efficace in Italia e regolamentare il settore del food delivery e la categoria professionale dei rider. Gli accorgimenti previsti che rendono compatibile il CCNL del settore Logistica, Trasporto, Merci e Spedizioni seguono questi principi:

  • estese ai rider le tutele tipiche del lavoro subordinato (previdenza, sicurezza sul lavoro, ferie, diritti sindacali), ed integrati alcuni accorgimenti per rendere compatibile il nuovo assetto contrattuale con quello economico dell’azienda
  • il contratto centrale del nuovo modello è il contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato con la previsione di un modello part-time costruito sulle esigenze del lavoratore e la possibilità di usare contratti flessibili entro limiti prestabiliti
  • procedure organizzative snelle con l’utilizzo elevato delle tecnologie digitali per la gestione di attività essenziali come la formazione in materia di sicurezza e l’esercizio di diritti sindacali
  • previsione di forme e tutele aggiuntive in favore dei rider per garantire standard di protezione migliorativi rispetto a quelli minimi legali come le coperture assicurative aggiuntive e i premi di risultato.

Cosa prevede il contratto

Come detto, Just Eat applica ai rider un contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato basato sul CCNL Logistica, Trasporto, Merci e Spedizione, che garantisce i diritti sindacali e il diritto al trattamento economico e normativo previsto dal CCNL. Il contratto prevede festività, lavoro straordinario, ferie, malattia, maternità/paternità secondo quanto regolamentato dal CCNL.
La retribuzione segue le tabelle previste dal CCNL con un compenso orario che di norma non sarà inferiore a 9 euro sino alla maturazione di un’anzianità lavorativa della durata complessiva di due anni. Ad un salario orario di partenza di 8,50 euro si aggiunge il premio di risultato di 0.25 euro a consegna e l’accantonamento del TFR, oltre alle eventuali maggiorazioni per il lavoro supplementare, straordinario, festivo e notturno.

"Per la prima volta - afferma Yiftalem Parigi, il rider eletto rappresentante sindacale di Just Eat a Firenze con CGIL- una multinazionale del food-delivery firma un accordo con i sindacati maggiormente rappresentativi nel settore. A noi rider di Just Eat sarà riconosciuta una paga oraria, il TFR, la tredicesima, la quattordicesima, le ferie, la malattia, la maternità, i congedi parentali e i diritti sindacali. Ognuno di noi d'ora in avanti guadagnerà almeno 9,70 euro ogni ora (comprensivo di TFR, tredicesima, quattordicesima, ferie) più indennità di 0,25 a consegna; dopo due anni la paga passerà 11,70 euro all'ora più indennità di 0,25 a consegna. L'accordo fa ottenere una paga all'ora piena, verranno retribuiti i tempi di consegna e pure i tempi di attesa tra una consegna e l'altra".

Con diversi regimi orari di part time (da 10, 20 o 30 ore), i turni vengono pianificati mediante un’app dove il rider dà la sua disponibilità per la settimana successiva e Just Eat, considerando la preferenza, procede alla pianificazione della settimana lavorativa.

Sono previste inoltre indennità a titolo di rimborso chilometrico per l’utilizzo del proprio mezzo per le consegne, ciclomotore o bicicletta, e l’applicazione piena e integrale delle norme vigenti in materia di salute e sicurezza e consegna di tutti i DPI previsti dalla normativa vigente, dotazioni di sicurezza gratuite fornite da Just Eat come casco, indumenti ad alta visibilità e indumenti antipioggia e zaino per il trasporto del cibo, oltre a igienizzanti e mascherine anti-Covid.
In aggiunta alle coperture assicurative fornite dagli istituti di previdenza e assistenza pubblici, INPS e INAIL, a tutti i dipendenti sarà fornita un’assicurazione nel caso si verifichi un incidente grave sul lavoro.


Condividi su: