Italia, Paese degli agriturismi

Italia, Paese degli agriturismi

Nel 2016 aumenta il numero di strutture: superate le 22mila unità. +6,6% le presenze. Al Sud più aperture. Una su tre è condotta da donne. La ristorazione e la vendita dei prodotti enogastronomici sono un plus importante

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

09

Ottobre
2017

Prosegue anche nel 2016 il trend positivo del settore agrituristico, sia per il numero di strutture sia per le presenze e i Comuni con aziende del turismo rurale. Lo rende noto il Rapporto Istat nel precisare che nel 2016 le presenze dei clienti negli agriturismo crescono a 12,1 milioni (+6,6%) rispetto al 2015.

Nel 2016, i Comuni, nel cui territorio sono localizzate le aziende agrituristiche, sono 4.866, vale a dire 39 in più rispetto all'anno precedente (+0,8%). Le aziende agrituristiche autorizzate nel 2016, continua l'Istat, sono 22.661, (+1,9%) rispetto all'anno precedente. Tale incremento è dato dalla differenza tra le 1.275 nuove aziende e le 852 cessazioni. L'aumento numerico è più consistente nel Mezzogiorno del Paese (+6,3%) rispetto al Centro (+1,8%) e al Nord (+0,3%).

Più di un'azienda agrituristica su tre (36%) è a conduzione femminile. La maggiore concentrazione di aziende gestite da donne si rileva in Toscana. Si riconferma anche nel 2016 la tendenza a diversificare: 8.264 aziende svolgono contemporaneamente attività di alloggio e ristorazione


Condividi su: