Inquinamento acque a Casteggio: denunce e sanzioni

Inquinamento acque a Casteggio: denunce e sanzioni

Coinvolta AB Mauri Italy nell'operazione "Acque Pulite" nel pavese: 13 persone, fra dipendenti pubblici e vertici societari, iscritte nel registro degli indagati

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

02

Settembre
2020

"Mi complimento con la Procura di Pavia e con gli uomini dei Carabinieri Forestali e della Guardia di Finanza impegnati nell’operazione Acque Pulite per il lavoro svolto che ha permesso di individuare una vera e propria organizzazione criminale dedita allo smaltimento illecito di reflui industriali a danno del sistema di depurazione comunale e di conseguenza dell’ambiente e della salute dei cittadini". Così il Ministro dell'Ambiente Costa ha commentato la notizia dell'indagine portata a termine su disposizione della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Pavia dagli uomini del Gruppo Carabinieri Forestale di Pavia e della Compagnia della Guardia di Finanza di Voghera che hanno proceduto a notificare gli avvisi di conclusione delle indagini preliminari a 13 persone e 2 società, rendendo noto che l’Autorità Giudiziaria, a vario titolo, sta procedendo nei loro confronti per i reati di inquinamento ambientale, abuso d’ufficio e falsità ideologica commessa da pubblico ufficiale in atti pubblici.
Gli avvisi sono pervenuti a 5 professionisti della pubblica amministrazione, 5 appartenenti ai vertici di AB Mauri Italy, società produttrice di lieviti e ingredienti per la panificazione e pasticceria, e altre 3 persone di enti con responsabilità di gestione dell’impianto di depurazione del Comune di Casteggio.

Le indagini partite nel 2016 dalla Stazione di Zavattarello dell’allora Corpo Forestale dello Stato, oggi Stazione Carabinieri Forestale, sulle acque del Torrente Coppa, hanno posto l’attenzione dell’Autorità Giudiziaria sull’impianto di depurazione comunale di Casteggio. Gli inquirenti hanno così constatato che l’impianto di depurazione comunale ove confluiscono le acque fognarie derivanti dal ciclo urbano e industriale del Comune di Casteggio, ha ricevuto anche reflui industriali provenienti dall’impianto di produzione di AB Mauri Italy, contenenti elementi inquinanti in quantitativi sensibilmente superiori a quelli autorizzati o autorizzabili per legge, tali da non poter essere smaltiti correttamente, anche per inadeguatezza strutturale del depuratore, determinando così la compromissione delle acque del Torrente Coppa e dell'ecosistema.

Il depuratore del Comune di Casteggio era già stato oggetto di sequestro preventivo nel 2018, su richiesta della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Pavia, per ipotesi di reato di inquinamento ambientale, a seguito di primi accertamenti che la Stazione di Zavattarello aveva svolto su varie segnalazioni circa il possibile inquinamento delle acque del Torrente Coppa, che presentavano colorazioni insolite. Da anni, infattti, i residenti lamentano il cattivo odore, la strana colorazione delle acque e la morìa dei pesci.

Sempre secondo le accuse, AB Mauri Italy, tramite il suo procuratore speciale con delega all’ambiente, si sarebbe resa altresì responsabile dell’inquinamento ambientale del suolo e del sottosuolo, mediante lo sversamento di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi, sul terreno di proprietà della società stessa e altrui, nei pressi dello stabilimento sito in Comune di Casteggio.

Le indagini hanno permesso di riscontrare e segnalare alla Procura Regionale presso la Corte dei Conti di Milano un danno erariale di circa 2,9 milioni di euro, pari al costo degli interventi di ampliamento che sono stati sostenuti per il depuratore nel 2014 e che si sono rivelati inadeguati.

L’inquinamento ambientale è punito con reclusione da due a sei anni e con la multa da 10.000 a 100.000 euro.
I vertici di AB Mauri Italy non hanno voluto rilasciare dichiarazioni; l’azienda ha comunicato di aver "agito sempre a tutela dell’ambiente, dotandosi delle migliori tecnologie per il trattamento delle acque con ingenti investimenti".

Nella foto: Sigilli al depuratore di Casteggio


Condividi su: