Incontro Italia - Cina per l'agroalimentare

Incontro Italia - Cina per l'agroalimentare

Al MiPAAFT il colloquio fra il Ministro Centinaio e l'omologo cinese HAN Changfu: aperto tavolo bilaterale su accordi export agroalimentare e controlli anticontraffazione

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

21

Giugno
2019

Si è svolto ieri il meeting fra il Ministro delle politiche agricole alimentari, forestali e del turismo Gian Marco Centinaio, e il Ministro dell'Agricoltura della Repubblica Popolare Cinese HAN Changfu. Al centro dell'incontro, i temi della collaborazione agricola bilaterale, i dossier di apertura del mercato cinese, i controlli sui prodotti di qualità e le misure di contrasto alla contraffazione agroalimentare. "Mi rallegro per l'ottimo andamento dei rapporti politici bilaterali con la Cina. Stiamo lavorando in prospettiva del 2020 Anno della Cultura e del Turismo Italia-Cina. L'Italia gode di uno straordinario know-how in settori come la viticoltura, l'olio di oliva, la produzione caseariae le carni, ma anche la ricerca, l'innovazione, la meccanizzazione e la sostenibilità agricola: è importante sviluppare l'interscambio, offrire nuove opportunità alle imprese e favorire l'espansione dei rapporti commerciali. Combinare agricoltura e turismo schiude immense possibilità per lavorare insieme".

Centinaio auspica che i dossier agroalimentari ancora aperti siano definiti al più presto, riferendosi al riso da risotto, alle mele e alle pere, al tartufo e alla farina di frumento. In particolare per il riso da risotto è importante che l'Amministrazione Generale delle Dogane cinese abbia accettato il protocollo di controlli fitosanitari proposti dall'Italia. L'intenzione è firmare al più presto e avviare l'export.

Nel corso dell'incontro si è anche parlato del MOU - Memorandum of Understanding tra il Ministero e Alibaba. Il protocollo d'intesa consente di proteggere 19 indicazioni geografiche italiane sulla piattaforma cinese, per prevenire i rischi di contraffazione sui prodotti di qualità italiani. La tutela sulle piattaforme cinesi di e-commerce è punto qualificante dell'ICQRF, uno dei maggiori organismi europei di controllo.


Condividi su: