Horeca: esercizi chiusi per gravi irregolarità

Horeca: esercizi chiusi per gravi irregolarità

A Torino, Firenze, Pescara, Napoli i NAS accertano violazioni delle più elementari norme che regolano la somministrazione degli alimenti

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

29

Luglio
2020

L’ASL di Firenze, a seguito di una richiesta avanzata dal locale NAS, ha disposto la sospensione delle attività di un bar sito nel capoluogo di regione toscano. Il provvedimento è stato adottato in quanto i Carabinieri, nel corso di un controllo, avevano rilevato che l’esercizio era privo del piano di autocontrollo alimentare HACCP, obbligatorio per legge. Il valore della struttura oggetto della sospensione è di 50.000 euro.
Sempre il NAS di Firenze, durante un’altra ispezione condotta presso un bar toscano, unitamente ai colleghi del Nucleo Ispettorato del Lavoro e del Comando Provinciale di Firenze, hanno riscontrato l’omessa attuazione delle procedure del piano di autocontrollo alimentare HACCP, carenze igienico sanitarie, violazioni alle misure di contenimento adottate per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da COVID-19 e l’impiego di lavoratori in nero. Le gravi violazioni riscontrate hanno comportato l’adozione di un provvedimento di sospensione e la contestazione di circa 12.000 euro di sanzioni amministrative.

Il NAS di Pescara ha deferito il titolare di un ristorante per avere detenuto alimenti e bevande in cattivo stato di conservazione e insudiciati. In particolare, i militari hanno rilevato che lo stesso aveva stoccato diverse casse d’acqua minerale al sole e congelato degli alimenti con apparecchiature non idonee, con presenza di bruciature da freddo e privi di protezioni.
Il titolare dell’esercizio è stato inoltre segnalato all'Autorità Amministrativa e Sanitaria per aver detenuto alimenti privi di tracciabilità, aver mantenuto in attività l'esercizio nonostante la presenza di sporcizia diffusa e insetti infestanti, e per aver attivato due depositi senza darne comunicazione all’Autorità Sanitaria. Per le violazioni di cui sopra l’ASL di Pescara ha disposto la sospensione dell’intera attività, che ha un valore di mercato di circa 700.000 euro.

Il NAS di Napoli, a conclusione di una verifica igienico-sanitaria effettuata presso un ristorante etnico, ha proceduto al sequestro amministrativo di circa mezzo quintale di prodotti ittici e carnei, in quanto privi di indicazioni utili alla rintracciabilità degli stessi. Nel medesimo contesto, i Carabinieri hanno invitato il responsabile dell’esercizio a eliminare alcune carenze igienico-strutturali riscontrate nel corso della verifica. Il valore della merce sottoposta a sequestro ammonta a circa 500 euro.

Il NAS di Torino, al termine di una serie di controlli che hanno avuto come obiettivo alcuni esercizi di ristorazione piemontesi, ha riscontrato presso una struttura situata a pochi chilometri dal confine con la Francia carenze igienico sanitarie, strutturali e gestionali tali da rappresentare un pericolo per la salute dei consumatori e da determinare la chiusura del ristorante.
Presso un altro esercizio sito nei pressi di Torino, invece, sono state riscontrate violazioni al manuale di autocontrollo e rinvenuti alimenti con termine minimo di conservazione decorso di validità, nonché la mancata applicazione delle misure anticontagio COVID-19. Nella circostanza, i militari hanno elevato sanzioni per un valore totale di 3.400 euro.


Condividi su: