Green deal: già 25 le iniziative regionali

Green deal: già 25 le iniziative regionali

Dalla Sicilia al Friuli Venezia Giulia, i progetti "Green deal going local" dimostrano che la transizione verde locale è in atto

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

21

Ottobre
2020

In Italia sono 25 finora le buone pratiche frutto del gruppo di lavoro Green deal going local creato lo scorso giugno dal Comitato europeo delle Regioni (CdR). Lo scopo di GDGL è garantire che le città e le regioni dell'Unione siano direttamente coinvolte nella definizione, nell'attuazione e nella valutazione del Green Deal. Il punto della situazione è stato fatto in questi giorni a Bruxelles in occasione della settimana delle Regioni organizzata dal CdR: un esempio viene dalle Marche, dove il Fondo Energia e Mobilità (FEM) basato sui tre pilastri di sostenibilità, mobilità ed efficienza, ha portato all'efficientamento energetico degli edifici pubblici, del trasporto pubblico locale e delle piccole e medie imprese grazie a una dotazione di 16 milioni di euro.

In uno dei suoi interventi alla settimana delle Regioni, il presidente del CdR Apostolos Tzitzikostas ha citato proprio l'esempio delle Marche: "La Regione Marche ha utilizzato i fondi di coesione consentendo ai piccoli comuni di ricevere sovvenzioni e garanzie sui prestiti per potenziare il servizio di autobus e ammodernare gli edifici pubblici - ha detto Tzitzikostas -. Tutti questi esempi dimostrano che il green deal non inizia ora, ma si basa su decenni di cambiamenti positivi da parte dei governi locali e regionali". Infatti le buone pratiche selezionate dal CdR attraversano l'Italia intera.
In Sicilia, a Balestrate (Palermo) tutti gli edifici pubblici sono stati efficientati, la percentuale di raccolta differenziata è arrivata sopra il 70% ed è aumentato l'uso dei mezzi alternativi alle auto grazie al bike sharing, l'abbattimento delle barriere architettoniche, l'ampliamento della zona a traffico limitato, l'utilizzo di mezzi elettrici per i dipendenti comunali e un trenino turistico.
In Valle d'Aosta, il progetto GRETA usa il calore geotermico e una tecnologia a basse emissioni di carbonio per il fabbisogno energetico dell'ambiente alpino.

In Friuli-Venezia Giulia, il marchio "IO SONO FVG" è uno strumento che premia gli agricoltori, i pescatori e gli altri operatori agroalimentari che decidono di rendere sostenibili le loro attività.

A Bologna, il patrimonio culturale è diventato motore di un risanamento urbano partecipativo e sostenibile nel quadro del progetto europeo H2020 ROCK.
In Piemonte, il comune di Locana ha provvisto l'illuminazione pubblica di led a risparmio energetico, mentre quello di Novara porta avanti due progetti di forestazione.
Il comune di Milano intende creare comunità energetiche su territori di piccole dimensioni in grado di comunicare tra loro.
In Veneto, c'è il progetto CIRCE2020 per l'espansione dell'economia circolare.

Tra i membri del gruppo Green deal going local ci sono le italiane Manuela Bora, assessora alle Attività produttive e affari UE della Regione Marche e coordinatrice del gruppo PSE della Commissione per la Politica regionale e il bilancio UE del CdR, e Donatella Porzi, consigliera regionale per la Regione Umbria. "Per la nostra regione - ha osservato Bora - far parte del gruppo di lavoro per il Green Deal del CdR non soltanto rappresenta una conferma di tutto il lavoro svolto dalla nostra amministrazione per la transizione climatica. È anche la convinzione che solamente collaborando con altre regioni e istituzioni europee potremo affrontare questa difficile doppia sfida del clima e della crisi economica".


Condividi su: