Grano duro, diminuiscono le semine

Grano duro, diminuiscono le semine

-8,3% la superficie coltivata, -4,23% la resa per ettaro, -10,9% la produzione italiana. Intanto in Canada è atteso un calo produttivo del 29%

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

18

Maggio
2017

Una produzione prevista di 4,5 milioni di tonnellate, una superficie di 1,27 milioni di ettari seminati, con un calo dell'8,3% rispetto al 2016/17 e una resa a grano duro di 3,55 tonnellate per ettaro (-4,23% rispetto alla campagna precedente). Queste le stime su semina e produzione di frumento duro in Italia elaborate dalla società di ricerca Areté e presentate a Foggia in occasione dell'evento internazionale Durum Days che, per la prima volta, ha visto riunita tutta la filiera di grano e pasta per avviare la condivisione di vision e strategie.

La produzione dell'Italia, che è il secondo produttore mondiale di grano, rappresenta il primo elemento di riferimento per comprendere l'andamento globale dei prezzi del frumento duro per la prossima campagna. Si tratta di una produzione inferiore (-10,9%) a quella dello scorso anno, pari a 5 milioni di tonnellate (dato Istat 2016/17), che contribuirà a mantenere il mercato ben approvvigionato grazie anche all'ampio riporto di scorte, seppur a livelli inferiori rispetto alla campagna appena chiusa. Secondo i dati presentati dal CREA, le superfici seminate a frumento duro nella campagna 2016/2017, hanno visto un calo più contenuto nel Centro Italia (-5,4%), contro il -7,4% del Sud e una media del -9,1% del Nord. Le stime Areté prevedono anche un aumento dell'export (+6,7%), che dovrebbe raggiungere i 4,8 milioni di tonnellate. Il rapporto tra gli stock finali e gli utilizzi totali si attesterà sul 36% (era pari al 46% nel 2016/2017).

In Canada si attende invece una produzione pari a 5,5 milioni di tonnellate, con un calo del 29% rispetto alla campagna 2016/2017. Negli USA la tendenza è simile (-19%), per l'UE si prevede un calo dell'1,04%, mentre spicca in controtendenza il dato del Nord Africa, dove la produzione è prevista crescere del 49%.


Condividi su: