Grano - pasta: in arrivo un Piano Strategico?

Grano - pasta: in arrivo un Piano Strategico?

Al tavolo di filiera aperto al MiPAAF, la Ministra ha delineato i punti di programmazione pluriennale: piano di stoccaggio, trasparenza su prezzo e origine, campagna di comunicazione per la pasta, lotta agli sprechi alimentari e sostegno agli indigenti

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

30

Ottobre
2019

Si è tenuto al MiPAAF il primo tavolo di filiera grano - pasta coordinato dall'attuale Governo. La Ministra Teresa Bellanova ha illustrato un progetto pluriennale, addirittura al 2030. "Dobbiamo scrivere insieme - ha detto infatti Bellanova - da qui all'inizio dell'anno un Piano strategico per la filiera grano pasta che guardi al 2030 e che abbia come aree prioritarie contratti di filiera, investimenti decennali sui siti di stoccaggio, ricerca e innovazione, trasparenza sul prezzo, trasparenza sull'origine, sostegno alla comunicazione della pasta in Italia e all'estero, lotta agli sprechi alimentari".

Con riferimento ai contratti di filiera, nella Legge di Bilancio sono stati stanziati in tutto 30 milioni di euro dal 2020 al 2022 per l'aiuto de minimis al grano, cui si aggiungono 10 milioni di euro per il 2019 coperti con i risparmi sul bilancio del MiPAAF.

Sul prezzo, il Ministero sta per avviare la sperimentazione per un prezzo indicativo nazionale attraverso lo strumento della Commissione unica, mentre per quanto concerne la trasparenza sull'origine si manterrà l'obbligo di indicazione in etichetta dell'origine del grano in vigore fino al 2020: "Incontrerò presto la nuova Commissaria europea alla Salute - ha detto Bellanova - anche per un confronto su questo aspetto".

Sui siti di stoccaggio il parere del Ministero è chiaro: "i siti di stoccaggio in Italia sono ormai da rinnovare. Se vogliamo fare grande qualità, non possiamo non innovare - ha sottolineato la Ministra Bellanova -. Se guardiamo in una prospettiva decennale possiamo pensare di rinnovare molte strutture con un'utile collaborazione tra pubblico e privato. Allo stesso tempo dobbiamo investire sull'agricoltura di precisione e sulla ricerca. Il futuro di questa filiera dipende anche dalla sua capacità di adattamento alla crisi climatica, così come dalla capacità di abbassare il proprio impatto ambientale. Sappiamo di molte sperimentazioni in corso, crediamo che questo tavolo possa aiutare anche nello scambio di esperienze e nell'indirizzare dove serve gli sforzi della ricerca pubblica".

1 milione di euro è destinato, invece, alla campagna di comunicazione per la pasta; il MiPAAF chiede che sia un gruppo operativo del Tavolo di filiera a definire il messaggio e i contenuti della campagna.

Bellanova ci ha tenuto a sottolineare "l'impegno assoluto nella lotta agli sprechi alimentari e al sostegno agli indigenti. Anche in questa sede voglio ringraziare Unionfood per la donazione fatta a Sant'Egidio: un bell'esempio di solidarietà. Lavoriamo per azzerare lo spreco, chiedo a tutti i livelli di intervenire su questo aspetto".


Condividi su: