Feste e abbuffate: colesterolo +20%

Feste e abbuffate: colesterolo +20%

Uno studio condotto dall'Università di Copenaghen su 25mila danesi dimostra che il colesterolo, durante le festività natalizie, si alza di un quinto per il 90% del campione

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

07

Gennaio
2019

La convivialità e la ghiottoneria vincono di gran lunga su qualsiasi altro "valore" che ognuno di noi vuole attribuire al Natale: le mangiate tipiche delle feste oltre a far crescere la pancia, fanno lievitare anche il colesterolo. Subito dopo la pausa natalizia, infatti, i suoi valori sono superiori del 20% rispetto all'estate e il rischio di avere il colesterolo alto è sei volte maggiore.
Lo afferma uno studio condotto su circa 25mila danesi dalla University of Copenhagen, Faculty of Health and Medical Sciences, pubblicato sulla rivista scientifica Atherosclerosis, che ha dimostrato come dopo le feste il colesterolo si innalza di un quinto per nove persone su dieci.

"Il nostro studio mostra che i livelli di colesterolo sono influenzati dal cibo grasso che consumiamo quando festeggiamo il Natale. Il fatto che così tante persone abbiano valori alti di colesterolo subito dopo le vacanze di Natale è molto sorprendente", ha affermato Anne Langsted, una delle ricercatrici che ha condotto lo studio.

Secondo gli analisti, davanti a valori del genere dopo le feste si dovrebbe prendere in considerazione un'altra valutazione successiva.

The Christmas holidays are immediately followed by a period of hypercholesterolemia


Condividi su: