Espansione Conad: +5,9%

Espansione Conad: +5,9%

Cresce il giro d'affari nel 2019: 14,2 miliardi. La cooperativa comunica di aver conquistato la leadership assoluta della GDO in Italia

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

17

Giugno
2020

L’Assemblea dei soci del Consorzio Nazionale Dettaglianti Conad ha approvato il bilancio illustrando dati e fatti salienti del 2019. Quello più importante per l'insegna è il raggiungimento della primazia assoluta tra le catene della distribuzione in Italia. Il giro d’affari della rete è salito a 14,2 miliardi di euro (+5,9% rispetto al 2018), la quota dell’insegna è cresciuta di quasi un punto (+0,9%) guadagnando il primo posto, quella della marca del distributore è balzata al 30%, posizionandosi 9,4 punti sopra la media del mercato.
"L’operazione Auchan, che prevede l’acquisizione delle attività italiane della catena francese - comunica la cooperativa in una nota - pur rivestendo una formidabile importanza strategica, non è ancora apprezzabile nei risultati dell’esercizio 2019, essendo stata finalizzata solo a fine anno".  

Conad in dieci anni ha visto crescere il giro d’affari del 44,9%, passando dai 9,8 miliardi del 2010 agli attuali 14,2 miliardi, mentre nello stesso periodo il patrimonio netto aggregato è salito da 1,5 miliardi a 2,6 miliardi, la quota di mercato della Mdd è arrivata al 30%, contro il 22,6%. Lo sviluppo è stato sostenuto da forti investimenti soprattutto nella comunicazione, dove l’insegna si posiziona da tempo come big spender e ha ormai raggiunto una notorietà totale del 95,5%.

La rete

Conad è presente in tutte le regioni italiane con 3.207 punti vendita che coprono tutti gli attuali format della moderna distribuzione: 31 Conad Ipermercato, 241 Conad Superstore, 1.122 Conad, 401 Margherita Conad, 986 Conad City, 241 Todis (discount), 19 Sapori&Dintorni e 166 con altre insegne. A questi si aggiungono 139 parafarmacie, 42 distributori di carburanti, 15 Ottico e 42 PetStore. L’insegna è diffusa in 1.537 comuni e 107 province e il 15,2% dei pdv è situato in comuni con meno di 5 mila abitanti.

Nel canale supermercati Conad ha consolidato ulteriormente la leadership con il 23,7% della quota (era il 22,4% nel 2018). Nel segmento del libero servizio la fetta detenuta da Conad è pari al 15,9%. 

Auchan

Nel 2019 è stato perfezionato l’acquisto della quasi totalità delle attività italiane della francese Auchan. L’operazione, che ha ottenuto l’autorizzazione dell’Antitrust solo nel marzo 2020, nel corso dell’anno ha visto il passaggio dei primi 66 punti vendita della catena francese sotto l’insegna Conad tra ottobre e dicembre, con un intervento che non ha prodotto alcuna dispersione del personale impiegato, assorbito per il 45% da Cia, per il 27% da Conad Centro Nord, per il 18% da Pac 2000A e per il restante 11% da Conad Nord Ovest.

La marca Conad

La marca si attesta a 3,9 miliardi di euro di fatturato (in crescita dell’11,4% rispetto al 2018) con una quota di mercato al 30% (superiore di 9,4 punti percentuali al dato medio di mercato, fonte: IRI). Il logo della margherita contraddistingue 4.050 prodotti, suddivisi in quattro linee principali: Conad logo rosso, con più di 3.300 referenze mainstream; Conad Percorso Qualità, che comprende freschi e freschissimi; Verso Natura e Sapori & Dintorni.
Il 2019 è stato l’anno del lancio della linea di integratori col nuovo brand Parafarmacia Conad.


Condividi su: