Consumi alimentari: la banca dati EFSA si arricchisce

Consumi alimentari: la banca dati EFSA si arricchisce

L'Agenzia europea ha ampliato i propri orizzonti sui consumi di alimenti in Europa grazie a una nuova serie di dati raccolti nell'ambito del progetto "EU Menu"

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

12

Febbraio
2020

EFSA ha annunciato l'implementazione del progetto EU Menu: la nuova versione della banca dati include ora i risultati di nove indagini alimentari appena effettuate in sei Paesi: Austria, Belgio, Cipro, Grecia, Paesi Bassi e Slovenia. Le indagini forniscono informazioni per tutte le fasce di età trattate da EU Menu: neonati, bambini piccoli, bambini, adolescenti, adulti, anziani e molto anziani nonché gruppi speciali. Per la prima volta le statistiche sono presentate per genere.

Finalità del progetto EU Menu è quello di raccogliere dagli Stati membri dati armonizzati e di qualità elevata, che coprano le fasce di età dai tre mesi ai 74 anni. Armonizzare le modalità di raccolta dei dati facilita il confronto tra le informazioni e migliora la qualità delle valutazioni del rischio effettuate dall'EFSA, che si basano su dati circa le abitudini alimentari degli Europei.

Sofia Ioannidou, responsabile del progetto EU Menu, ha dichiarato: "Questa nuova versione accresce notevolmente la percentuale di informazioni armonizzate presenti nella banca dati. L’aggiunta dei nuovi dati porta a oltre metà il numero di indagini su neonati, bambini, adolescenti, adolescenti, adulti e gruppi speciali della popolazione condotte secondo la metodologia EU Menu. Il progetto continua a fare progressi grazie all'impegno dei partner dell'EFSA negli Stati membri".

La banca dati ha un ruolo determinante per la valutazione dei rischi collegati ai possibili pericoli negli alimenti e consente di effettuare stime dell’esposizione dei consumatori a tali pericoli, passo fondamentale nel processo di valutazione del rischio.

Sin dal 2011 l'EFSA ha fornito sostegno e guida per la raccolta di dati a 21 Paesi nel quadro del progetto EU Menu. Finora 17 sono stati i sondaggi completati da 11 Paesi. Nei prossimi anni confluiranno nella banca dati EFSA gli esiti di ulteriori indagini.


Condividi su: