Caviro e Lauretana scelgono il trasporto collaborativo

Caviro e Lauretana scelgono il trasporto collaborativo

Il progetto è la prima applicazione italiana dell’approccio strategico di CHEP all’ottimizzazione della supply chain: per ridurre costi e inquinamento

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

07

Febbraio
2019

La collaborazione logistica è riconosciuta da tutti i player del settore come il fattore imprescindibile per apportare una reale innovazione nella supply chain, riducendo costi, chilometri a vuoto e emissioni di CO2. CHEP, grazie alla partnership con i propri clienti, rivenditori e Logistics Service Provider e all’expertise nella supply chain in tutta Europa, punta a ricoprire un ruolo primario e su vasta scala nel trasporto collaborativo.

Il Transport Collaboration Program di CHEP, nato in Spagna con l’obiettivo di ottimizzare un mercato dei trasporti molto frammentato, è oggi utilizzato da oltre 50 clienti in Spagna e 220 clienti in tutta Europa che possono così condividere i trasporti tra di loro e con CHEP, usufruendo di servizi di trasporto migliori e utilizzando i mezzi in modo più efficiente. In Italia è stato siglato lo scorso anno il primo accordo di questo tipo che coinvolge due realtà del settore beverage; Caviro, la principale Cooperativa Agricola italiana a produrre vino, e Lauretana, brand leader delle acque minerali. Con il supporto strategico di Zanardo, fornitore di servizi logistici.

Il progetto

La situazione di partenza dalla quale ha preso il via la collaborazione vedeva coinvolti due produttori (Caviro e Lauretana) ognuno con un proprio network di flussi logistici e di trasportatori e una gestione individuale della supply chain e delle sue esigenze economiche e di servizio. Al fine di ridurre le tratte a vuoto, e di conseguenza i costi e l’impatto ambientale, i camion di Zanardo che ritirano il vino dall’impianto di Caviro in Emilia Romagna per consegnarlo a diversi punti vendita in Piemonte sono stati utilizzati per effettuare il ritiro presso lo stabilimento Lauretana, sito proprio nella regione piemontese, e provvedere alla consegna dell’acqua nei punti vendita dell’Emilia Romagna.
Una volta completato questo percorso, i camion ritirano nuovamente il vino da Caviro e tornano in Piemonte dando il via a un nuovo ciclo logistico ottimizzato.

I benefici

Ogni anno, 190 camion compiranno questo ciclo, garantendo a Caviro e a Lauretana un risparmio condiviso di 40.000€. Sono stati inoltre evitati 50 chilometri a vuoto ovviando alle riallocazioni dei camion dopo lo scarico con un risparmio medio del 20% sullo spend delle tratte.
“La collaborazione logistica è la chiave per ottimizzare la supply chain ed evitare così che le aziende coinvolte subiscano perdita di valore nel processo mentre è importante, essendo noi una Cooperativa, che tale valore sia restituito ai nostri soci” commenta Elisa Bevitori, Responsabile supply chain di Caviro.

“CHEP si è dimostrata un partner eccellente, offrendoci l’opportunità di maturare significativi risparmi che, tenendo conto dell’ubicazione della fonte della nostra acqua, non erano facili da ottenere” aggiunge Erich Grisoglio, Responsabile Logistica di Lauretana.

Il Transport Collaboration Program di CHEP punta ad ottenere non solo risparmi di capitale ma anche valori non tangibili derivanti dalla cooperazione con altre aziende: un impatto positivo sulla sostenibilità, un maggiore potere negoziale e una migliore comprensione del mercato, dei flussi e degli operatori.  Questo impegno è stato riconosciuto anche dal conferimento al progetto del premio Logistico dell’anno 2018 proprio per la categoria “Innovazione in sostenibilità ambientale”.

Marco Moritsch, Country Manager di CHEP Italia, ha così commentato: “Ad oggi, grazie al nostro programma di trasporto collaborativo, sono stati evitati in Europa nell’ultimo anno, 5,5 milioni di chilometri a vuoto (l’equivalente di 14 viaggi dalla Terra alla Luna) e 5.700 tonnellate di emissioni di CO2 non sono state liberate nell’atmosfera”.


Condividi su: