C'è la decontribuzione per le aziende agroalimentari

C'è la decontribuzione per le aziende agroalimentari

Firmato il decreto: le imprese non pagano i contributi previdenziali per i primi 6 mesi del 2020. Se ne farà carico lo Stato

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

16

Settembre
2020

Dal MiPAAF la notizia che è stato siglato il Decreto ricevuto dal Ministero del Lavoro con cui si permette l'esonero contributivo per i primi sei mesi del 2020 per alcune filiere agroalimentari.

A disposizione 426 milioni previsti dal Decreto Rilancio e finalizzati all'esonero straordinario dai versamenti dei contributi previdenziali e assistenziali a carico dei datori di lavoro dovuti per il periodo dal 1° gennaio al 30 giugno 2020.

Ad essere interessate dal provvedimento le filiere:

  • agrituristiche
  • apistiche
  • brassicole
  • cerealicole
  • florovivaistiche
  • vitivinicole
  • dell'allevamento
  • dell'ippicoltura
  • della pesca e dell'acquacoltura.

Obiettivo, come esplicitato nello stesso Decreto, il rilancio produttivo e occupazionale delle filiere agricole, della pesca e dell'acquacoltura.
Dopo la firma della Ministra Teresa Bellanova, il Testo è stato inoltrato al MEF per l'adozione definitiva del Provvedimento. 


Condividi su: