Anche 1g di sale al giorno incide sulla pressione

Anche 1g di sale al giorno incide sulla pressione

Uomini o donne, giovani o vecchi, normotesi o ipertesi non fa differenza: l'assunzione giornaliera di pochissimo sale ha effetti negativi sulla salute

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

17

Febbraio
2021

Che un uso eccessivo di sale faccia male alla salute, sotto diversi punti di vista, non è un mistero. Adesso, però, uno studio internazionale evidenzia che anche quantità ridotte di sodio assunte ogni giorno possono influire sulla pressione sanguigna delle persone: a questa conclusione arriva una ricerca, Blood pressure effects of sodium reduction. Dose-response meta-analysis of experimental studies, coordinata dal Dipartimento di Scienze biomediche, metaboliche e neuroscienze dell'Università di Modena e Reggio Emilia, frutto di tre anni di lavoro, pubblicata sulla rivista internazionale di medicina cardiovascolare Circulation.
Lo studio ha applicato una nuova metodologia statistica, la cosiddetta one-stage meta-analysis, all'analisi dell'effetto dell'assunzione di sale, e specificatamente di sodio, sui livelli di pressione arteriosa sia nei normotesi sia negli ipertesi.

"Le analisi precedenti - spiega Marco Vinceti, coordinatore dello studio - pensavano che la relazione tra un fattore e un esito sanitario fosse direttamente interpretabile in un grafico con una linea retta. In natura le cose spesso non stanno così. Uno dei meriti dell'analisi che abbiamo utilizzato è la sua capacità di descrivere relazioni appunto non-lineari e ben più complesse". In questo modo i ricercatori hanno evidenziato come un effetto nocivo, cioè di incremento dei livelli di pressione sanguigna, si evidenzi già a livelli estremamente bassi di assunzione alimentare di sodio, a partire cioè da 1-1,5 grammi al giorno. Ciò avviene indistintamente sia nei maschi sia nelle femmine, nell'età giovanile e in quella più avanzata, nei soggetti ipertesi, dove il fenomeno è più evidente, e nei normotesi, nel breve e nel lungo termine, e indipendentemente dal trattamento con farmaci anti-ipertensivi.

"Le nostre osservazioni - aggiunge Vinceti - confermano la bontà delle indicazioni fornite dalla American heart association e, molto recentemente, dall'EFSA e dalla corrispondente autorità statunitense, con le quali si invitava a contenere il consumo di sodio della popolazione generale entro i limiti di 1,5-2,3 grammi al giorno".

Blood pressure effects of sodium reduction. Dose–response meta-analysis of experimental studies

Photo by Emmy Smith


Condividi su: