#AmiatAutunno, per una Toscana tutta da scoprire

#AmiatAutunno, per una Toscana tutta da scoprire

Dalla fine di settembre a tutto novembre, sette comuni del Monte Amiata propongono una rassegna di appuntamenti dedicati ai prodotti tipici: castagne, funghi, olio e vino

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

13

Settembre
2019

Una Toscana ancora tutta da scoprire si racconta attraverso i suoi prodotti tipici. Sul Monte Amiata torna #AmiatAutunno, la rassegna che, proponendo un viaggio fatto di gusto e tradizione, attorno ai piaceri del palato riunisce ben sette comuni: Abbadia San Salvatore, Arcidosso, Castel del Piano, Castell’Azzara, Piancastagnaio, Roccalbegna e Santa Fiora.

Da settembre a novembre, ogni fine settimana, questi paesi aprono le loro porte e invitano a scoprire uno stile di vita che fa dell’autenticità la sola parola d’ordine. Ovunque si accendono i bracieri e si condividono piatti prelibati.

È l’olio a essere protagonista nel fine settimana del 28-29 settembre quando Montegiovi (comune di Castel del Piano) propone la “46ma edizione della Sagra della Bruschetta e dell’olio nuovo”. A Bagnolo (comune di Santa Fiora) nei primi due fine settimana di ottobre (data da definire) torna la Sagra del Fungo Amiatino. Ad Abbadia San Salvatore l’11-12-13 e il 18-19-20 ottobre si rinnova la Festa d’Autunno. Il 18-19-20 ottobre nella frazione di Cana (comune di Roccalbegna) si festeggia la “Biondina”: così è chiamata la caldarrosta, alludendo al colore che assume dopo essere stata cotta nei tipici bracieri. Castagna in Festa anche ad Arcidosso per due fine settimana (18-19-20 e 25-26-27 ottobre). Il 19 e il 20 ottobre, #AmiatAutunno si sposta a Santa Fiora con la Sagra del Marrone Santafiorese. Il 27 ottobre a Castel del Piano si festeggia l’olio con una passeggiata da fare a piedi o in e-bike attraverso gli oliveti. A fine ottobre (date da definire) il borgo di Castell'Azzara si tuffa nella tradizione con Zucche in festa. Dal 31 ottobre al 3 novembre a Piancastagnaio è tempo di Crastatone. Il termine Crastatone deriva dal verbo dialettale “crastare”, ovvero l’atto di tagliare la castagna prima di metterla sul fuoco, da qui la “crastata” (caldarrosta).

Per informazioni: www.amiatautunno.it.


Condividi su: