Al CREA si studia la pasta del futuro

Al CREA si studia la pasta del futuro

In Emilia Romagna, al Genomic Research Centre, viene simulata la coltivazione del grano nel 2050 ricreando la concentrazione di CO2 attesa fra 30 anni: aumenta la produttività, diminuisce la qualità

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

09

Febbraio
2018

A Fiorenzuola d'Arda, in Emilia Romagna, nel Genomic Research Centre del CREA si guarda al futuro e si studiano gli effetti dei cambiamenti climatici sul grano e, di conseguenza, sulla resa della pasta.

Nel piccolo appezzamento a due passi dal Po, l'aria che non è quella del 2018 ma quella del 2050, almeno per quel che riguarda la CO2, che è di 570-600 parti per milione, esattamente la quantità di anidride carbonica attesa per la metà XXI secolo. Di fronte ai campi, due edifici di un piano in cui si susseguono laboratori e dove si analizza come l'aria del 2050 influenzerà, nel bene e nel male, la produzione di cereali.

"Su questo campo - ha spiegato ad AgriUe Luigi Cattivelli, il direttore del Genomic Research Centre - abbiamo fatto un esperimento per valutare l'effetto del cambiamento climatico sulla produzione di frumento, in particolare l'effetto dell'innalzamento della CO2 nell'atmosfera, che è la causa dei cambiamenti climatici ma che ha anche un effetto sulla crescita delle piante".

Ogni anno nel mondo si producono 37 milioni di tonnellate di grano duro, il 75% dei quali viene trasformato in pasta. Ecco perché lo studio condotto a Fiorenzuola serve per capire come potrebbe essere la pasta del futuro. I primi risultati sono chiari: con dosi extra di anidride carbonica, la produzione aumenta, ma la qualità diminuisce. Il grano duro ad alta CO2 non solo contiene meno proteine, elemento cruciale nella produzione della pasta e parametro più importante per la sua tenuta in cottura, ma anche meno ferro e zinco. Per evitare questo degrado della qualità, secondo Cattivelli la strada maestra è il miglioramento genetico. "Qui a Fiorenzuola - conclude Cattivelli - studiamo gli effetti del mutare delle condizioni esterne sulle piante e vediamo come agire, con il miglioramento genetico, per adattarle a queste nuove condizioni".
(Fonte: ANSA)


Condividi su: