A Grottaglie il

A Grottaglie il "Vino è musica"

Dal 23 al 27 luglio 2019 la decima edizione dell'evento enoculturale nel cuore del Quartiere delle Ceramiche: si celebrano i sapori, l'arte, la cultura e i territori del Sud

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

17

Luglio
2019

Vino, cibo e ceramiche ai piedi del trecentesco Castello Episcopio, in uno scenario unico: il Quartiere delle Ceramiche di Grottaglie. È questo il format  che da dieci anni "Vino è Musica" propone a turisti e visitatori.

La decima edizione della rassegna, in programma dal 23 al 27 luglio a Grottaglie, propone un programma ricco di eventi intorno alla cultura del vino. Si parte con competizione enoica per l’assegnazione del “Premio Vino è Musica”. Dal 23 al 25 luglio, nella chiesetta sconsacrata del XVI secolo dell’Antico Convento dei Cappuccini, le attività della rassegna saranno dedicate al blind tasting, l'evento riservato al confronto dei vini prodotti da vitigni territoriali con la finalità di individuare le etichette che meglio rappresentano le tipicità del vitigno di appartenenza.  La commissione tecnica, presieduta dall’assaggiatore internazionale di vini, Enzo Scivetti degusterà le oltre 300 etichette in gara valutandone colore, gusto e profumo e decretando, per ciascuna tipologia, i vini vincitori.

Dal 26 al 27 luglio il programma della rassegna di apre ufficialmente ai visitatori. Una grande enoteca all'aperto, in un ghiotto itinerario alla scoperta dell’arte figulina nelle oltre 50 botteghe scavate nella roccia della Gravina San Giorgio. 

La rassegna, che negli anni ha già ospitato oltre 150 aziende vitivinicole, 40 chef, e 80 gruppi musicali, in occasione del decennale metterà in mostra i migliori vini e l’artigianato tipico. Un viaggio nei sapori del Sud Italia, grazie alla presenza di produttori provenienti da Puglia, Basilicata, Campania e Calabria.

Grande novità per il decimo anno sarà la presenza delle enoteche #Vinoemusica, un luogo dove sarà possibile degustare i vini di punta e le etichette di pregio delle aziende.
Confermata la presenza del consorzio di tutela del rosso più conosciuto di Puglia: il Consorzio di Tutela del Primitivo di Manduria che, con le sue associate, sarà presente nell’enoteca a loro riservata. Spazio anche ai vini naturali con un’enoteca dedicata dove si potranno degustare i vini dei produttori che hanno partecipato alla prima edizione di “Evoluzione Naturale”, la prima fiera pugliese dedicata proprio ai vini artigianali.

A Vino è Musica si animeranno le terrazze panoramiche delle botteghe dei ceramisti di Grottaglie con una serie di laboratori del gusto tenuti dai relatori AIS, e Slow Wine: bollicine del sud Italia, vitigni di Puglia, vini macerati e della guida slowine, il primitivo in tutte le sue sfumature. Grande curiosità per laboratorio “Il Primitivo di Manduria tra terra e mare”.

La musica accompagnerà il visitatore: oltre 16 gruppi, dislocati lungo il percorso, amplificheranno il viaggio con note rock, pop, jazz e folk.

Ci saranno anche mostre d’arte ceramica dedicate al vino, laboratori didattici rivolti ai piccoli visitatori all’interno del Museo della Ceramica, visite alla mostra di ceramica contemporanea "MediTERRAneo” e oltre 50 botteghe artigiane da visitare dove le mani dei maestri figulini, tinte di terra e colore, modellano e dipingono da oltre cinque secoli.

vinoemusica.it


Condividi su: